Ultima modifica: 23 Aprile 2014

Operadomani 2014

Una panoramica dei commenti dei ragazzi che hanno partecipato al progetto Operadomani 2014 Continue Reading Operadomani 2014

Print Friendly, PDF & Email

AIDA di G. VerdiAl teatro di Como

Un viaggio nel favoloso Egitto, lungo le sponde del Nilo, incontrando un combattivo Faraone e un severo Re, un coraggioso condottiero e una dolce schiava, e poi ancora sacerdoti, guerrieri. Ecco cosa è stato, per i nostri ragazzi partecipare all’opera Aida!

Un’avventura che li ha visti protagonisti di uno spettacolo avvincente ed emozionante: come popolo egizio hanno coralmente esultato, inneggiato, festeggiato, supplicato, pregato; ora cullati dalla dolce brezza agitavano le loro palme e i delicati fiori di loto, ora trascinati dall’entusiasmante ritmo della marcia trionfale marciavano tra lo sventolio di colorati stendardi. Un’esperienza indimenticabile, come leggiamo dai loro commenti:

  • Se dovessi dare un voto alla storia di Aida, darei 10 lode, perché ti fa capire che l’amore quando è forte può distruggere ogni ostacolo.
  • Riguardo al teatro Sociale di Como devo dire che è molto bello ed elegante: sembra La Scala in miniatura.
  • Quello che mi è piaciuto di più è stata l’esperienza di essere andato a teatro per la prima volta: è stato come la mia prima volta allo stadio! Ero emozionatissimoooooo!!!
  • I costumi erano belli e sembravano proprio di epoca egiziana, ma alcuni protagonisti, un po’ grassottelli, li portavano male.
  • Mi è piaciuta la preparazione effettuata in classe soprattutto nella costruzione degli origami del fiore di loto e della palma, ma il vessillo è stato più difficile da realizzare.
  • Dei sette canti quello che mi è piaciuto di più è stato”gloria all’Egitto” perché potevamo anche marciare a ritmo di musica.
  • Peccato che la storia finisca male: non dovevano morire Aida e Radames! Ma in classe abbiamo scritto un sequel bellissimo dove i due scappano da un passaggio segreto…
  • In classe durante le prove dei canti alcuni miei compagni sostenevano essere stonati, ma la prof. di musica ha detto: “basta allenarsi e tutti migliorano”. Meno male!
  • In classe mi sono divertito durante la preparazione di canti, origami e stendardi: una attività piacevole.
  • Cantare con l’orchestra vera e cantanti professionisti mi ha fatto sentire importante.
  • I cantanti e gli orchestrali si divertivano tra di loro e anche con noi “sembrava scherzassero”.

prof.sa Scila Salzano

Print Friendly, PDF & Email